News

Al via il 4 ottobre la nuova stagione di Salotto Muzika al Locomotiv Club di Bologna

Venerdì 4 ottobre anteprima della nuova stagione di Salotto Muzika Bologna, la rassegna realizzata dalla Fabbrica etichetta indipendente.
Da quest’anno la rassegna si svolgerà al Locomotiv Club di via Sebastiano Serlio 25/2 a Bologna.

Ospite del primo appuntamento di questa nuova stagione sarà DIMARTINO.

Dimartino è un cantante e autore di canzoni, classe 82′. Nel 2010 pubblica per pippola music il suo album di debutto dal titolo “Cara maestra abbiamo perso” prodotto insieme a Cesare Basile,che riscuote un ottimo consenso dalla critica e dal pubblico, nel disco collabora con diversi muscisti della scena italiana tra cui Le luci della centrale elettrica e Alessandro Fiori. Nel 2012 esce il secondo disco per Picicca dischi, dal titolo lungo ed esaustivo “Sarebbe bello non lasciarsi mai ma abbandonarsi ogni tanto è utile”, prodotto insieme al cantautore e amico Dario Brunori. Numerose sono le partecipazione ad importanti festival e rassegne musicali in ambito italiano.

Nel giugno 2013 esce l’ep Non Vengo più mamma.

Immagina di non avere un corpo e di non fare le cose che siamo abituati a fare: la spesa, prendere
l’autobus, commuoversi per un film. L’anima sopravviverebbe lo stesso?
A chiederselo sono i due giovani protagonisti di Non Vengo più mamma: opera che è un vero e proprio atto poetico per Antonio Dimartino.
Ricercare la vita autentica, fuori dalla vita stessa, spingendosi oltre tutti i confini possibili, che nel
caso dei due ragazzi significa ordinare a domicilio un kit della dolce morte e ritrovarsi a chiudere gli
occhi, con la stessa facilità con cui di solito li si tiene aperti.
Un tema importante e attuale quello scelto dal cantautore siciliano, inconsueto per forma e
contenuto. Un concept pubblicato solo in vinile, in cui la narrazione trova la sua forza espressiva nelle
tavole del disegnatore palermitano Igor Scalisi Palminteri, lasciando ai brani musicali, scritti in
stretta collaborazione con Angelo Trabace al pianoforte e Giusto Correnti alla batteria, la
funzione di ambientazione sonora.
Dimartino affida le sue parole sia ai disegni che alla musica, andando oltre i confini della formacanzone
e percorrendo i sentieri dell’elettronica contemporanea.
Piega le leggi di gravità, riscrive lo spazio: e lo fa grazie a una storia potentissima, che mette a
soqquadro il senso comune, il respiro e l’esistenza come l’abbiamo finora vissuta e pensata.

ingresso € 7
info line: salottomuzika@la-fabbrica.org

Comments

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Sign In